SANT’ANTIMO. Bocciato il resoconto di bilancio. Arriva il commissario. È durata solo un anno l’amministrazione guidata da Massimo Buonanno. Scelta giusta? Ai posteri l’ardua sentenza.

SANT’ANTIMO. Brutto destino per i comuni dell’area Frattese: dopo Casandrino anche Sant’Antimo sarà commissariata. Mentre Grumo ha, solo qualche mese fa, eletto l’amministrazione dopo continui commissariamenti. Che non certamente la soluzione ai problemi della città, visto che hanno il compito di gestire l’ordinaria amministrazione: e Sant’Antimo dovrà attendere un anno per tornare al voto. Infatti, il resoconto di bilancio non è stato approvato. Due settimane fa la votazione in consiglio era finita in parità, per l’assenza del consiglier di centro destra Innocenzo Treviglio. Che si sussurrava avrebbe potuto essere la stampella di salvataggio all’amministrazione di Massimo Buonanno, eletta appena un anno fa. In questi 15 giorni ci sono stati diversi incontri, che hanno visto il Pd diviso al proprio interno, tra quelli che voleva salvare la consiliatura (anche se con la stampella del centro destra) e quelli che invece pregiudizialmente dicavano no all’appoggio del consigliere di minoranza. C’era stata anche un’ipotesi di reclutare sempre dalla minoranza altri consiglieri di centro sinistra. Inspiegabilmente l’accordo non è andato in porto. Rigide le posizioni dei 4 consiglieri di maggioranza (ex) Pietropaolo Di Matteo ed Antimo Puca (Nuovo Pensiero Democratico), Andrea Petito e Francesco Cesaro (Popolari per Sant’Antimo) che avevano sottoscritto un patto con la minoranza: Giuseppe Italia, Assunta Cammisa e Gaetano Verde (Agorà); Edoardo D’Antonio, Elena Brigliadoro, Filomena Flagiello e Mariarosaria Esposito (Nuova S. Antimo) e Anna D’Isidoro (Cittadini per Sant’Antimo): azzeramento della giunta e dimissioni a distanza di sei mesi del sindaco. Che solo poco prima del consiglio ha azzerato l’esecutivo. Troppo tardi per la fronda in opposizione a Buonanno. Lunedì sera anche Treviglio ha votato no al resoconto di bilancio. Adesso si attende che il prefetto nomini il commissario che traghetterà il comune fino alle elezioni del 2024. Era questa la soluzione migliore? Non era possibile evitare la gestione commissariale? Si dice che una qualsivoglia amministrazione sia preferibile ad un commissario. Di certo nel 2024 ritroveremo in competizione vecchi amministratori, che potranno sventolare la bandiera della… governabilità. E quelli che facevano parte di questo consiglio saranno tutti rieletti? O soccomberanno ai voti di ex? Il sindaco Massimo Buonanno ha diffuso una nota nella quale si legge: “Cari concittadini avrete ormai saputo degli eventi avvenuti ieri durante il Consiglio Comunale, fatti che avranno ripercussioni sulla vita di tutti noi santantimesi. In questa settimana ho più volte fatto appello a tutti Consiglieri Comunali affinché operassero un atto di responsabilità, approvando il rendiconto di bilancio relativo all’anno 2022, sempre e solo con l’obiettivo per cui ho lavorato nell’ultimo anno e che è stata la stella polare della mia azione amministrativa, ovvero l’interesse supremo della città. Purtroppo, la scelta di alcuni Consiglieri Comunali, eletti con la maggioranza e poi, di fatto, passati all’opposizione, che hanno votato contro il rendiconto di bilancio, ha decretato la sua mancata approvazione e ha condannato la città ad un nuovo commissariamento prefettizio. In questi undici mesi ho dedicato alla città tutto il mio tempo e la mia passione, per far rinascere economicamente e socialmente una comunità che non si sentiva più tale, un comune, il nostro, che veniva da tre anni di commissariamento, un comune in dissesto finanziario e con una carenza cronica di personale. Il grande lavoro fatto in questi mesi, i progetti già approvati e quelli messi in cantiere sono stati malauguratamente stroncati dall’azione personalistica e poco lungimirante di chi ha probabilmente anteposto il soddisfacimento di qualche piccolo interesse personale all’interesse generale della collettività. La scelta incomprensibile di quattro Consiglieri Comunali che, senza nessuna ragione politica, ma, evidentemente, per capricci personali dettati dall’esuberanza della giovane età, ha condannato la città al commissariamento. Lasciamo un Comune con un rendiconto di bilancio positivo, con un attivo di più di 6 milioni di euro, grazie ad un’azione di risanamento dei conti che era stata avviata e che adesso è stata, purtroppo, interrotta. Lasciamo una serie di progettualità approvate e che a breve vedranno la luce, con diversi finanziamenti ottenuti e portati sul territorio e che vedranno la loro realizzazione, mi auspico, quanto prima. Solo per ricordarne qualcuno, abbiamo ottenuto un finanziamento di € 40.000,00 per la ristrutturazione della biblioteca comunale, € 100.000,00 per la copertura del tetto della IST Giuseppe Moscati, € 149.000,00 per l’istallazione di telecamere di videosorveglianza del territorio. Abbiamo approvato diversi progetti definitivi PNRR che porteranno nei nostri territori più di 8 milioni di euro, di cui € 2.700.000,00 per il Centro Sportivo di via G. Marconi, € 1.000.000,00 per la Casa Comunale, €500.000 per parchi e giardini comunali, €.800.000,00 per il Quartiere San Vincenzo, € 1.606.740,00 per l’ampliamento dell’Asilo Nido Comunale, € 1.829.540,00 per la costruzione della scuola dell’infazia Don Milani, progetti che ora saranno sviluppati dagli uffici competenti. Abbiamo sottoscritto, dopo anni di attesa, la costituzione dell’Azienda Consortile Ambito 17. Abbiamo provveduto ad approvare il preliminare del PUC, Piano Urbanistico Comunale, il cui precedente era addirittura risalente agli anni ‘70. Ancora, abbiamo finalmente, dopo dieci anni di immobilismo, approvato la variazione del piano regolatore cimiteriale, con la realizzazione di 608 loculi per la tumulazione e di 456 colombaie per il ricovero delle ceneri. Abbiamo predisposto l’apertura pomeridiana del Cimitero e della Villa Comunale del Rio, villa che, misteriosamente, i Commissari avevano deciso di lasciare chiusa nei fine settimana. L’Amministrazione, invece, si è impegnata per riaprirla tutti i giorni, anche il sabato e la domenica, così che ridiventasse al servizio dei bambini, anche organizzandovi diversi eventi, di concerto con le associazioni locali. È stato un anno di rinascita per la vita santantimese, con la riapertura dei parchi pubblici, come la Villa Falcone Borsellino, e l’organizzazione di diversi eventi, come il cartellone degli eventi di quest’estate 2023, che si chiuderà con il concerto del rapper Clementino. Restano ancora tante cose da fare, progetti che abbiamo iniziato e che speriamo che i Commissari non ci faranno perdere, come i lavori di riqualificazione di via Aldo Moro, via Petrarca, Via Di Vittorio e di via Dante, per un finanziamento di € 5.000.000,00, la realizzazione della mensa dell’IC Romeo-Cammisa in Via Di Giacomo che avrebbe portato ulteriori € 710,161,00, i lavori di costruzione dei sottoservizi e della strada di Via Vergara, la messa in sicurezza di Via Giannangeli, la bonifica e la destinazione del Bosco di Capezza, l’esternalizzazione del servizio di riscossione tributi. Il mio rammarico è solo quello di non aver potuto continuare quell’azione di rinnovamento e di cambiamento della città, che era stata intrapresa dall’Amministrazione e alla quale i cittadini avevano dato la loro fiducia un anno fa, ma, in ogni caso, il mio impegno politico andrà avanti. Ringrazio tutti gli assessori ed i Consiglieri Comunali che hanno camminato e lavorato lealmente insieme a me. Ringrazio i cittadini che hanno manifestato in questi mesi e in queste ore la loro vicinanza, la loro solidarietà, il loro affetto e loro incoraggiamento. Ringrazio tutti dipendenti comunali che hanno collaborato con l’Amministrazione e ci hanno permesso di raggiungere degli obiettivi. Faccio il mio in bocca al lupo alla città e ai cittadini tutti”. Il nostro augurio è che nessuno si penta di aver interrotto dopo un anno questa consiliatura.

Seguiteci sui nostri canali social!

Afragola (17) Alleanza Verdi-Sinistra (31) ANAS (124) Angelo Vassallo (29) Arresto (327) Avellino (34) Aversa (47) Brusciano (21) Caivano (31) CAMPANIA (24) Carabinieri (553) Casandrino (23) Caserta (1725) Castel Volturno (19) Covid-19 (27) Dario Vassallo (27) Eventi (17) Eventi e Cultura (153) Fondazione Vassallo (26) Francesco Emilio Borrelli (56) Frattamaggiore (62) Gaetano Manfredi (15) gdf (107) Gennaro Saiello (35) Grumo Nevano (37) Guardia di Finanza (120) Ischia (27) Italia (945) M5S (77) Maria Muscarà (34) Michele Cammarano (33) musica (19) Napoli (2143) Ospedale Cardarelli (28) PNRR (16) Polizia Locale (23) Pozzuoli (22) Regione Campani (1485) Regione Campania (507) Roma (33) Salerno (1667) Sanità (24) Sant'Arpino (16) sequestro (19) Trianon (15) Trianon Viviani (15) Università Federico II (15) Vincenzo Ciampi (25) Vincenzo De Luca (44) Virginia Villani (20)