Al via il secondo Master ‘Management e governance delle politiche di coesione e divario territoriale’, per formare gli esperti del Pnrr. Fitto: “Servono competenze e capacita di programmazione” . Cannata: “Senza apparato gestionale si rischia l’insuccesso”. Caldoro: “Per superare le diseguaglianze e modernizzare il Paese puntare sul capitale umano”

“Rispondiamo ai temi di attualità e costruiamo soluzioni tese a modernizzare il sistema Paese, intendiamo contribuire alla formazione di una classe dirigente capace di misurarsi sui temi della programmazione, della gestione della finanza pubblica e della coesione territoriale”. Cosi Stefano Caldoro, Presidente di “E’Sud” in occasione della presentazione della seconda edizione del master ‘Management e governance delle politiche di coesione e divario territoriale’.
“Puntiamo – ha sottolineato – sul capitale umano, sulla necessita di avere dirigenti capaci di affrontare i temi della autonomia, del Pnrr, della finanza agevolata con le competenze necessarie, con una visione che vada oltre la logica dello scontro che sia concentrata sulle soluzioni, sulla efficienza”.
“Un’iniziativa molto importante e attuale che conta su molti sponsor. Un progetto formativo che risponde alle esigenze di pianificazione e gestione di una grande avventura come quella del Pnrr” ha sottolineato Giovanni Cannata, Magnifico Rettore ‘Universitas Mercatorum’.
“Il Paese – ha aggiunto – può contare su tutte le risorse possibili ma se non abbiamo un apparato gestionale che accompagna e segue questo processo, il rischio di insuccesso è elevato”.
Con il Rettore è intervenuto Luciano Hinna, Docente di programmazione e controllo Universitas Mercatorum che ha tenuto una relazione, di rilievo scientifico, sul tema.
Durante i lavori si è collegato da Bruxelles il ministro degli Affari Europei Raffaele Fitto.
“Serve un approccio costruttivo da parte di tutti, affinché i progetti si realizzino e si rendicontino in modo adeguato, servono le competenze. Vale per il Pnrr e per tutti i percorsi nazionali ed europei” ha detto il ministro che ha salutato gli organizzatori del Master ed i corsisti.
“Il Governo ha effettuato in questi mesi – ha sottolineato parlando dei temi di stretta attualità – scelte strategiche per il Paese. Per recuperare riardi e per consentire una programmazione unitaria e di visione, capace di superare la logica di piccoli interventi, ha messo insieme, su indicazione del premier Giorgia Meloni, il Pnrr ed i fondi di coesione. In questa direzione ci siamo mossi, in questa direzione lavoriamo senza polemiche ma costruendo soluzioni. E’ quello che serve”.
Il master è erogato da Universitas Mercatorum e nasce dalla iniziativa di “E’SUd Associazione per la Coesione Territoriale Aps” che ha come partner il Dipartimento di Management dell’Università “la Sapienza” di Roma e l’Associazione “Fondazione Mezzogiorno”.
Il master, particolarmente attuale ai tempi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, tratta i profili giuridici, economici, finanziari e manageriali nonchè le metodologie che ispirano i programmi di spesa ordinari e straordinari ed analizza le dinamiche e i valori distributivi che influiscono sul divario territoriale e le macro implicazioni di natura politica, economica, fiscale e di governo che tale divario comporta.

Approfondisce lo studio del sistema dei conti pubblici territoriali, con riferimento al sistema statistico nazionale e all’agenzia per la coesione territoriale. Si focalizza poi sugli aspetti attuativi della legge 42 del 2009 “Delega al Governo in materia di federalismo fiscale in attuazione all’articolo 119 della costituzione”, in relazione ai fabbisogni e ai costi standard ai L.E.A., L.E.P.
Con l’intento di favorire una formazione trans-disciplinare cross-boundary, il Master esamina gli aspetti di natura manageriale utili a supportare l’analisi strategica, i processi di Governo e di gestione, nonché gli strumenti e le tecniche utili alla valutazione quali-quantitativa di politiche, piani, programmi e progetti di sviluppo e valorizzazione territoriale”
Il Master di II livello in Coesione Territoriale ha l’obiettivo di formare figure professionali ad elevata specializzazione in grado di valutare ed analizzare le dinamiche di erogazione ed assegnazione delle risorse derivanti dalla spesa pubblica complessiva e dai finanziamenti dei programmi comunitari su base territoriale, oltre che in grado di gestire ed indirizzare le politiche di bilancio e straordinari , il PNRR ad esempio, su base territoriale.
In occasione della presentazione, avviata dai saluti del segretario generale della Associazione E’Sud, avvocato Guido Marone, presso la sede della Universitas Mercatorum’, sono stati consegnati i diplomi agli studenti della prima edizione. CS

Seguiteci sui nostri canali social!

Afragola (17) Alleanza Verdi-Sinistra (31) ANAS (121) Angelo Vassallo (29) Arresto (326) Avellino (34) Aversa (47) Benevento (14) Brusciano (21) Caivano (31) CAMPANIA (22) Carabinieri (547) Casandrino (23) Caserta (1724) Castel Volturno (19) Covid-19 (27) Dario Vassallo (27) Eventi (17) Eventi e Cultura (153) Fondazione Vassallo (26) Francesco Emilio Borrelli (56) Frattamaggiore (62) gdf (107) Gennaro Saiello (35) Giuseppe Maiello (14) Grumo Nevano (37) Guardia di Finanza (118) Ischia (27) Italia (938) M5S (76) Maria Muscarà (32) Michele Cammarano (32) musica (18) Napoli (2134) Ospedale Cardarelli (27) PNRR (16) Polizia Locale (23) Pozzuoli (22) Regione Campani (1485) Regione Campania (499) Roma (33) Salerno (1666) Sanità (24) Sant'Arpino (16) sequestro (18) Trianon (15) Trianon Viviani (15) Vincenzo Ciampi (25) Vincenzo De Luca (44) Virginia Villani (20)