NAPOLI.Trianon Viviani, gli appuntamenti della settimana. Giovedì 13 aprile, Pasquale Scialò apre il suo ciclo di conferenze cantate “Città cantante 2”. Sabato 15, Emanuela Bianchini, Enzo Gragnaniello e i performers della Mspd nello spettacolo di musica e danza “Neapolis mantra”. Domenica 16, le Kalìka in concerto con “Ago, filo ‘e parole…” Tre gli appuntamenti della settimana al Trianon VivianiImmagine che contiene testo, edificio, esterni, segnale

NAPOLI. Giovedì 13 aprile, alle 17, il musicologo Pasquale Scialò aprirà il suo secondo ciclo di conferenze cantate “Città cantante 2”, trattando, anche con compiuti esempi musicali, il tema “Canto napoletano e salonmusik”.
Seguirà, sabato 15, alle 21, lo spettacolo di musica e danza “Neapolis mantra”, con l’étoile Emanuela Bianchini, il cantautore Enzo Gragnaniello e i performers della Mvula Sungani physical dance, diretti da Mvula Sungani.
La settimana si chiuderà, domenica 16, alle 21, con il concerto “Ago, filo ‘e parole…” del trio femminile Kalìka.
Pasquale Scialò nella conferenza cantata “Canto napoletano e salonmusik”, per il ciclo “Città cantante 2” – giovedì 13 aprile, ore 17
Dopo il successo, l’anno scorso, del primo ciclo di conferenze cantate, Pasquale Scialò ritorna al Trianon Viviani con una nuova serie di tre lezioni-concerto intitolata “Città cantante 2: l’arcipelago della canzone napoletana”.
Con un approccio interdisciplinare, il musicologo e compositore – autore della fondamentale Storia della canzone napoletana pubblicata in due volumi da Neri Pozza – farà una ricognizione parlata, cantata e suonata dal vivo, con proiezioni di documenti, filmati e immagini inedite, sull’evoluzione della canzone e le sue continue interferenze tra passato e presente nel costante dialogo tra matrici di diversa provenienza.
Gli incontri, della durata di poco più di un’ora, prevedono la partecipazione di esperti, musicisti e cantanti dediti con rigore allo studio e all’interpretazione delle diverse forme di questo repertorio.
Questo primo appuntamento, intitolato “Canto napoletano e salonmusik”, parte dai Passatempi musicali di Guglielmo Cottrau, la raccolta pubblicata nel 1824, che contiene Ariette e Duettini per camera inediti, Romanze francesi nuove, Canzoncine Napolitane e Siciliane, Variazioni pel canto, Piccoli Divertimenti per Pianoforte, Contradanze, Walz e Balli diversi.
Quest’opera costituisce una importante fonte musicale con canti «presi dalla bocca del popolo e aggiustati per canto e pianoforte», destinati al salotto borghese: Michelemmà, Cannetella, Canzona di lavandaja, Lo guarracino, pastorali natalizie, serenate e canti carnascialeschi.
Ruolo centrale per la conservazione e diffusione di tale repertorio viene svolto dal franco-napoletano Guglielmo Cottrau, musicista ed editore, e successivamente dal figlio Teodoro, giurista e compositore.
A questa prima conferenza cantata di Scialò, interverranno la musicologa Francesca Seller e i musicisti Romeo Barbaro (voce e tammorra), Nunzia De Falco (soprano), Franco Pareti (piano) e Antonio Siano (voce e chitarra).

Seguiteci sui nostri canali social!

Afragola (17) Alleanza Verdi-Sinistra (31) ANAS (124) Angelo Vassallo (29) Arresto (327) Avellino (34) Aversa (47) Brusciano (21) Caivano (31) CAMPANIA (24) Carabinieri (553) Casandrino (23) Caserta (1725) Castel Volturno (19) Covid-19 (27) Dario Vassallo (27) Eventi (17) Eventi e Cultura (153) Fondazione Vassallo (26) Francesco Emilio Borrelli (56) Frattamaggiore (62) Gaetano Manfredi (15) gdf (107) Gennaro Saiello (35) Grumo Nevano (37) Guardia di Finanza (120) Ischia (27) Italia (945) M5S (77) Maria Muscarà (34) Michele Cammarano (33) musica (19) Napoli (2143) Ospedale Cardarelli (28) PNRR (16) Polizia Locale (23) Pozzuoli (22) Regione Campani (1485) Regione Campania (507) Roma (33) Salerno (1667) Sanità (24) Sant'Arpino (16) sequestro (19) Trianon (15) Trianon Viviani (15) Università Federico II (15) Vincenzo Ciampi (25) Vincenzo De Luca (44) Virginia Villani (20)