INAUGURAZIONE DEL PLESSO DELLA PRIMARIA “PISCINE” Un finale festoso IC RENDE QUATTROMIGLIA “G.Falcone”

Il 2 maggio 2024, l’IC RENDE QUATTROMIGLIA “G. Falcone” ha finalmente riaperto le porte del plesso “Piscine” dopo un lungo periodo in cui la struttura era rimasta chiusa a favore dei lavori di ristrutturazione e di adeguamento antisismico. Questo momento era atteso ormai da tanto e quasi ci si era abituati alla vista di quel cantiere e adattati alle aule di altri plessi o dei locali di Via Verdi che, per quasi tre anni, hanno ospitato gli alunni, le maestre e i collaboratori scolastici; poi, la sorpresa di poter chiudere l’anno con un finale festoso e i preparativi per la straordinaria manifestazione con la quale è stato inaugurato il plesso. Il 3 giugno 2024 tutto era pronto. La maestra Serafina Esposito, in qualità di responsabile di plesso, non si è davvero risparmiata e contestualmente agli adempimenti scolastici, alle attività didattiche, alle uscite e ai viaggi d’istruzione, ha curato ogni dettaglio organizzativo, dai permessi al Comune alla disposizione dell’orchestra e dei bambini del plesso, i quali sono stati giustamente messi al centro dell’evento dimostrando grandissimo entusiasmo e gioia, ma anche preparazione, educazione e maturità. Il piazzale antistante la scuola è stato chiuso al traffico in modo da consentire ai bambini della primaria e ai ragazzi dell’orchestra di posizionarsi sotto gli enormi pini mediterranei che circondano l’area verde del plesso attrezzata, oggi, con un bellissimo parco giochi. Alle 11.00 in punto, la Dirigente, la dott.ssa Maria Cristina Rippa, accompagnata dal primo collaboratore, la prof.ssa Eugenia Bossio, ha dato il benvenuto alle tantissime persone che, tra genitori e ospiti d’onore, avevano accettato il nostro invito e, in maniera davvero molto originale, dopo i saluti istituzionali ha invitato gli alunni della primaria ad esprimere, in maniera spontanea, le sensazioni del momento. Toccante, a questo punto, è stato il dialogo tra i bambini della primaria e i ragazzi della secondaria che hanno voluto salutare i compagni più piccoli con consigli e parole augurali. A seguire sono stati chiamati, per i saluti, i collaboratori scolastici, davvero emozionatissimi e con la voce rotta dalla commozione, e la preziosissima Presidente del Consiglio di Istituto, la dott.ssa Ida Adimari, sempre attenta, con la sua profonda sensibilità, a seguire e perseguire le esperienze vere e autentiche di formazione e crescita dei nostri alunni. Tra gli ospiti esterni all’Istituto, per primo è stato invitato a parlare don Luigi, il giovanissimo parroco della San Carlo Borromeo di Rende; poi il commissario prefettizio, Santi Giuffrè accompagnato dall’ing. Belmonte e dall’ing. Napoli. Durante lo svolgimento dei saluti e dei ringraziamenti è stato dedicato un momento molto suggestivo alla piantumazione dell’alloro. Nella mitologia greco-romana, come ha spiegato la voce narrante di un nostro piccolo alunno della primaria, Dafne, una ninfa amata da Apollo, per sfuggire al dio, chiede aiuto al padre Peneo, che la trasforma in un albero di alloro. Apollo, però, non smetterà mai di amarla, anzi, l’alloro, diventerà una pianta sacra al dio e il simbolo dell’eternità della poesia e di ogni forma d’arte; l’alloro simboleggia anche, per le proprietà minerali delle sue foglie, il successo nelle celebrazioni atletiche e non solo. Nell’antichità, era una pianta augurale. I Greci credevano che le foglie di alloro potessero respingere la sfortuna. L’evento è stato arricchito dall’immancabile e doveroso inno nazionale suonato dall’orchestra dell’Istituto e magistralmente diretto dal maestro Concita Silvestri. Gli alunni della primaria hanno preparato filastrocche, canzoni e coreografie con nastrini e bandierine tricolore. Non sono mancati i doni e, nel rispetto del senso di ospitalità che ci contraddistingue, abbiamo regalato simbolicamente i semi della legalità che rappresentano materialmente tutti quei principi e quei valori che devono diventare i comportamenti dei nostri alunni, il loro modo di essere e di fare. Straordinario il momento in cui l’orchestra ha eseguito l’Inno alla gioia, una melodia unica e sublime che descrive l’ideale tipicamente romantico di uomini egualmente legati tra loro da vincoli di gioia e di amicizia universale. I bambini, infatti, hanno chiuso la manifestazione chiedendo in coro un mondo unito nella diversità, un mondo dove vince la pace e la solidarietà. 

Barbara Gagliardi_UFFICIO STAMPA IC RENDE QUATTROMIGLIA.

Seguiteci sui nostri canali social!

Alleanza Verdi-Sinistra (32) ANAS (152) Anas Campania (29) Angelo Vassallo (31) Arresti (29) Arresto (443) Avellino (42) Aversa (55) Benevento (26) Caivano (38) CAMPANIA (61) Carabinieri (716) Casandrino (33) Caserta (1819) Casoria (24) Castel Volturno (28) Consigliera Muscara' (24) Covid-19 (27) Dario Vassallo (32) droga (27) Eventi (24) Eventi e Cultura (168) Evento (29) Fondazione Vassallo (30) Francesco Emilio Borrelli (67) Frattamaggiore (77) gdf (116) Gennaro Saiello (39) Grumo Nevano (47) Guardia di Finanza (192) Ischia (36) Italia (1144) M5S (78) Maria Muscarà (47) Michele Cammarano (37) musica (41) Napoli (2498) Ospedale Cardarelli (31) Polizia Locale (35) Pozzuoli (27) Presentazione libro (30) Regione Campani (1531) Regione Campania (671) Roma (52) Salerno (1751) Sanità (42) sequestro (42) Università Federico II (25) Vincenzo Ciampi (27) Vincenzo De Luca (50)